Ascot è stata la mia prima esperienza come responsabile marketing junior, fresco di laurea e con un master in marketing internazionale. Dopo il primo anno da Junior, mi è stata offerta la possibilità di lavorare pienamente su un totale riposizionamento del marchio. Stiamo parlando di più di 20 anni fa. Il design in ceramica era visto come qualcosa di sospetto.

Con la collaborazione preziosa di Claudio La Viola alla direzione artistica, Elisabetta Naldi di Ikos alla direzione grafica e Armando Bertacchi di Studio Azzurro come fotografo, io e Stefano Bonini, poi mio partner in Brix, abbiamo dato una svolta radicale al marchio portando la divisione Ascot Studio a trainare l’intera azienda.